Tutela della Privacy

Semplici Desideri SNC, con sede a Bergamo in via Borgo Palazzo n. 85 è il Titolare del trattamento dei dati personali raccolti su questo sito ai sensi e per gli effetti del Regolamento UE 679/2016 (GDPR). Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per finalità di marketing e per proporti informazioni in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui per leggere l'informativa completaCliccando OK , invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie e accetti senza riserve la nostra informativa sulla tutela della privacy.
Ok

Dove ci troviamo:
All’interno di una piccola corte, in via Borgo Palazzo 85, Bergamo.

Contatti:
Telefono: +39 035 236195 - Mail: info@semplicidesideri.it - WhatsApp: +39 035 236195

Orario continuato:
Lunedì e Sabato: 09:30 - 18:30 - dal Martedì al Venerdì: 09:30 - 21:00

Parcheggio:
Parcheggio interno gratuito.

A tua disposizione:
Te', caffè o una tisana rilassante saranno sempre a tua disposizione per un momento in più di relax.

Cosa portare:
Ti forniremo tutto il necessario per il trattamento, accappatoio, slip e ciabattine monouso.

Igiene:
Tutto l'istituto viene quotidianamente pulito con prodotti ad uso professionale ad azione detergente, disinfettante e battericida.

Prodotti più venduti

Offerte speciali

Cosa pensano i clienti

Mi trovo benissimo. Lo frequento da un bel po' di anni. Staff giovane, ma esperto e professionale. Locali moderni e piacevolmente rilassanti. Lo consiglio! (foto indicativa, non corrispondente alla persona che ha realmente fatto la recensione)"

Valentina M.

Sinceramente dal cortile esterno non mi aspettavo nulla di buono, ma appena varcata la soglia del negozio sono entrato in un mondo a se. Personale cordiale e preparato, ambiente pulito e curato. Ero nervoso e stressato e sono uscito rilassato e con una gran voglia di buttarmi a letto a dormire. (foto indicativa, non corrispondente alla persona che ha realmente fatto la recensione)"

Marco R.

Ho usufruito di un trattamento al viso veramente strepitoso, quasi 60 minuti di coccole, Simonetta non solo è molto competente, ma è anche in grado di percepire le esigenze delle clienti, perché il massaggio non deve essere solo un movimento manuale meccanico..lei capisce come stai anche "dentro" e ti aiuta a stare meglio! Brava, ritornerò sicuramente. (foto indicativa, non corrispondente alla persona che ha realmente fatto la recensione)"

Silvia Z.

Oggi ci siamo trovate molto bene nel vostro centro benessere, molta professionalità e cortesia. Grazie e buon lavoro."

Lara e Luisella F.

Non ho mai trovato una persona così qualificata."

Daniela L.

Semplicemente stupendo! Le ragazze cordiali, disponibili e gentili. Pulito e ottima atmosfera. Io personalmente ringrazio Simonetta"

Sonia B.

Acqua e Sale sai perché sono importanti per la nostra salute? 

Acqua e Sale sai perché sono importanti per la nostra salute? 

Fabio Cordini ott 19, 2017 Estetica 0 Comments

La vita si è sviluppata nel mare: l’acqua salsa, una soluzione idrosalina naturale, ha in sé l’energia necessaria per generare vita. Non a caso tutte le forme viventi che siano mai esistite sul nostro pianeta provengono dal mare. Questa modalità di sviluppo della vita si può osservare ancora oggi nella gestazione dell’embrione umano all’interno dell’utero materno. Durante i nove mesi che vanno dal concepimento alla nascita, l’embrione percorre ognuna delle fasi dell’evoluzione. In quest’arco di tempo si condensano 250 milioni di anni di evoluzione biologica, dall’organismo unicellulare fino all’essere vivente dotato di coscienza. Dove cresce l’embrione in realtà? Nel liquido amniotico, ovvero in una soluzione di acqua e sale all’1%, alla temperatura di 37°C: in una soluzione idrosalina.

Il corpo umano nel suo insieme è una creazione geniale della natura, dotata di tutti i congegni necessari per il mantenimento della propria vita e la procreazione di nuova vita. Ogni individuo dispone infatti di meccanismi di regolazione e di capacità di autoguarigione che mantengono, e all’occorenza ristabiliscono, l’equilibrio naturale delle funzioni fisiologiche, la cosiddetta omeostasi. Non è grazie al medico che guariamo, ne grazie al farmaco che assumiamo, bensì al nostro naturale sistema di regolazione, poiché l’organismo ha in sé il potere di rigenerarsi.
Se con l’apporto di acqua e sale mettiamo il nostro corpo nelle condizioni di potersi riequilibrare, esso sarà ancora in grado di rigenerarsi e avrà la possibilità di debellare la malattia. Questi due elementi fondamentali e naturali possono veramente aiutare il nostro organismo a ripristinare il suo stato di salute.

Se l’acqua è il nostro alimento numero uno, il sale occupa sicuramente il secondo posto in ordine di importanza. Le nostre esperienze ci inducono a considerare questi due elementi come entità di uguale valore, perché impossibile parlare della vita in assenza di uno di essi. La parola “sale” ricalca il latino sal e deriva da sol che in tedesco è sinonimo di Sole, e significa “acqua salsa” o “soluzione salina”, ma sta anche per “il sole”, cioè la stella attorno a cui gravita il nostro sistema planetario. Nel suo significato sia comune che mitologico, la “sole”, la soluzione salina, è quindi “luce solare liquida”, energia luminosa liquida, incorporata in una struttura geometrica in grado di creare la vita e di conservarla.

Il sale cristallino contiene tutti i minerali e gli oligoelementi che costituiscono l’organismo umano. Senza sale la vita è impossibile, eppure oggi è diffuso il convincimento che il consumo di sale faccia male alla salute . Questo dipende dal fatto che il nostro sale da cucina, prevalentemente cloruro di sodio, non ha più molti punti di contatto con l’elemento allo stato originale, ossia con ciò che ci serve per vivere. Il sale da cucina non ha ormai molte affinità con il sale naturale. L’organismo possiede un dispositivo di protezione intelligente che identifica il sale da cucina come veleno aggressivo per le cellule e vi individua una sostanza nociva e innaturale da eliminare il più presto possibile.

Campagne pubblicitarie intensive cercano di convincere il consumatore che sia salutare aggiungere al sale da cucina degli alogeni altamente tossici quali iodio (sotto forma di composti iodati o iodurati) e fluoro. L’additivazione con iodio e fluoro aumenta l’aggressività del sale da cucina e alcuni scienziati sono del parere che l’organismo non sia nemmeno in grado di metabolizzare questi composti additivati.

Il sale cristallino allo stato genuino è infatti molto più che cloruro di sodio e racchiude in sé non due ma tutti gli elementi naturali, esattamente gli stessi costituenti del nostro corpo.

Il sale cristallino di riferimento e conforme ai criteri di integralità scientificamente dimostrabili è quello dell’Himalaya. Le condizioni di pressione che determinano la genesi dei massicci montuosi in quella parte della terra furono così forti da dar luogo alla formazione di reticoli cristallini perfettamente ordinati.

Il sale cristallino smaltisce i residui superflui o tossici dell’organismo grazie all’acqua, che li trasporta e li fa espellere. L’acqua e il sale insieme puliscono il nostro sistema proprio come la lavatrice la biancheria.
La forza neutralizzante del sale è in grado di equilibrare le cariche positive. In passato, era diffuso l’antico costume di cospargere del sale nelle stanze nuove, allo scopo di scacciare gli spiriti cattivi prima che vi insediassero le persone. Gli spiriti cattivi di ieri non sono altro che le nocive emissioni elettromagnetiche di oggi, quelle che ci fanno ammalare e che la forza neutralizzante del sale naturale è in grado di contrastare.
Anche la medicina ufficiale conosce l’effetto terapeutico del sale e lo usa soprattutto per curare le malattie respiratorie e le affezioni dermatologiche.
La malattia deve essere considerata come un amico che ci informa che c’è qualcosa da cambiare. Con la soluzione idrosalina possiamo restituire al nostro organismo proprio le oscillazioni che gli mancano quando è ammalato. Non interessa quanta ne assumiamo, visto che in termini biofisici ciò che conta è invece la qualità. Perciò la qualità del sale con cui prepariamo la soluzione è fondamentale.

Prendiamo ogni mattina, a digiuno, un cucchiaino da tè di soluzione idrosalina in un bicchiere d’acqua di sorgente naturale. A prescindere dalla quantità ciò che importa è la regolarità con cui la assumiamo. Dal punto di vista biochimico, l’effetto immediato sarà una stimolazione delle peristalsi dello stomaco e dell’intestino, che a sua volta favorirà il metabolismo e la digestione. Si ristabilirà quindi un equilibrio elettrico che migliorerà la conduttività nel corpo e avrà ripercussioni positive sulla circolazione. Con il sale, la corrente potrà riprendere a fluire.

Tratto da: Acqua e sale. Inesauribile fonte di vita, un dono per la nostra salute di Barbara Hendel

Leave your reply

*
**Not Published
*Site url with http://
*